sabato 28 giugno 2014

Perfino Catone scriveva ricette. I greci, i romani e noi Eva Cantarella (Feltrinelli)



Come frequentare la cultura dei greci e dei romani, in un'epoca di polverizzate nozioni e di frantumate informazioni? Eva Cantarella, che ha intrapreso da una decina d'anni un'opera di appassionata e intelligente divulgazione, sembra rispondere che la frantumazione non lavora necessariamente contro la conoscenza. E dunque abilmente seziona, isola in microracconti un mondo altrimenti confinato nei testi accademici: attinge al materiale immenso dei suoi studi e delle sue predilezioni per consegnarci il mosaico della vita degli antichi, con l'intento dichiarato di farceli sentire "nostri contemporanei". Come vivevano, greci e romani, i sentimenti dentro e fuori la famiglia? Com'era organizzato l'istituto famigliare? A quali immagini affidavano la loro identità? La cucina andava di moda a Roma come da noi? Procedendo per segmenti, per narrazioni, aneddoti, considerazioni morali e politiche, Eva Cantarella ci svela i più diversi aspetti della vita pubblica e privata nell'antichità classica: cibo e banchetti, bellezza e cura del corpo, giochi e sport, superstizione e magia, politica e diritto, nascita e morte. Questi frammenti di vita vissuta offrono il ritratto vivo e palpitante di uomini e donne a noi vertiginosamente vicini, i cui sogni, paure, speranze, aspettative, desideri sono spesso gli stessi che attraversano la mente e il cuore di noi che li guardiamo da una distanza di quasi duemila anni.

ItinerapugliaTV - Isole Tremiti

STORIE DI GRANDI CHEF 28/05/2011 - Il gambero nascosto

Gli Stati Uniti puntano a conquistare l'Asia con la cucina - America 24

Gli Stati Uniti puntano a conquistare l'Asia con la cucina - America 24

Franco Madama, lo show cooking e l'arte della cucina | Panorama d'ItaliaPanorama d'Italia

Franco Madama, lo show cooking e l'arte della cucina | Panorama d'ItaliaPanorama d'Italia

Buona, veloce, fresca e salutare: ecco la Cucina d’Estate del Centro - Cronaca - Il Centro

Buona, veloce, fresca e salutare: ecco la Cucina d’Estate del Centro - Cronaca - Il Centro

venerdì 27 giugno 2014

ItinerapugliaTV - Lavorazione al telaio

Lamezia: Slow Food, letteratura e cibo a palazzo Nicotera - il Lametino.it

Lamezia: Slow Food, letteratura e cibo a palazzo Nicotera - il Lametino.it

SLOW FOOD. MARCIA DI AVVICINAMENTO ON-LINE AL "SALONE DEL GUSTO E TERRA MADRE 2014". DAL 23 AL 27 OTTOBRE A TORINO - Liguria Notizie

SLOW FOOD. MARCIA DI AVVICINAMENTO ON-LINE AL "SALONE DEL GUSTO E TERRA MADRE 2014". DAL 23 AL 27 OTTOBRE A TORINO - Liguria Notizie

SLOW FOOD VILLAGE 2014: AGRICOLTURA FAMILIARE NEL VILLAGIO GLOBALE A VITERBO | AGENPARL AGENPARL

SLOW FOOD VILLAGE 2014: AGRICOLTURA FAMILIARE NEL VILLAGIO GLOBALE A VITERBO | AGENPARL AGENPARL

Guida Street Food 2015 del Gambero Rosso. Ecco i risultati - Gambero Rosso

Guida Street Food 2015 del Gambero Rosso. Ecco i risultati - Gambero Rosso

giovedì 26 giugno 2014

ItinerapugliaTV - Lavorazione della cartapesta leccese

STORIE DI GRANDI CHEF 29/05/2011 - NORBERT NIEDERKOFLER - Puntata integrale

Al via i corsi di cucina | La Nuova Provincia di Biella

Al via i corsi di cucina | La Nuova Provincia di Biella

La Stampa - I blogger dell’alta cucina scoprono le ricette astigiane

La Stampa - I blogger dell’alta cucina scoprono le ricette astigiane

Italia, la ripresa economica passa dal cibo, ma non dai libri

Italia, la ripresa economica passa dal cibo, ma non dai libri

mercoledì 25 giugno 2014

ItinerapugliaTV - Lavorazione al tombolo

Eataly la gara di cucina thai Sfida ai fornelli con pollo riso e noodles

Eataly la gara di cucina thai Sfida ai fornelli con pollo riso e noodles

Tempo Libero - Torna "Cavalcangustando" tra bellezze e cucina della Valcuvia | Varese Laghi | Varese News

Tempo Libero - Torna "Cavalcangustando" tra bellezze e cucina della Valcuvia | Varese Laghi | Varese News

Emanuele Giorgione: la cucina ti fa bella - IO donna

Emanuele Giorgione: la cucina ti fa bella - IO donna

La Stampa - Etno-chic: un nuovo look estivo per la cucina

La Stampa - Etno-chic: un nuovo look estivo per la cucina

STORIE DI GRANDI CHEF 21/05/2011 - La cotoletta tradizionale

martedì 24 giugno 2014

Al polipo questa volta ci pensa Angelo Colelli!


























Polipo con spuma di patate battuta di basilico e pomodorino acido con un buon olio extravergine e la variante del polipo con patate è servita

ItinerapugliaTV - Lavorazione della terracotta

STORIE DI GRANDI CHEF 14/05/2011 - Sugo al pomodoro bianco

Passione per la cucina vegana - Libri

Passione per la cucina vegana - Libri

Giugno: le fave - Cucina - D - la Repubblica

Giugno: le fave - Cucina - D - la Repubblica

Sassuolo: ‘La passione nel piatto’, contest La cucina incantata | Sassuolo 2000

Sassuolo: ‘La passione nel piatto’, contest La cucina incantata | Sassuolo 2000

La Stampa - A Merano il progetto food: cucina alpina e mediterranea

La Stampa - A Merano il progetto food: cucina alpina e mediterranea

lunedì 23 giugno 2014

Il senso di Davide per la farina di Davide Longoni (Ponte alle Grazie)



Davide appartiene a una solida famiglia di panificatori, in Brianza. Studia, si laurea in Lettere e inizia a lavorare per una prestigiosa agenzia di fotogiornalismo. Ama le moto, i viaggi, i libri. Una sera, al tavolo di un ristorante, assaggia un pane diverso dal suo, diverso da tutti i pani che ha visto, fatto e mangiato fino a quel momento. Chiede, e gli rispondono che quel pane è fatto con il lievito madre. Decide che ne vuole sapere di più e che quel pane lo vuole fare anche lui, e così inizia la sua nuova vita: una vita di conoscenza, di sperimentazione, di incontri con personaggi visionari e lungimiranti e con materie prime antiche e preziose; di impresa fatta con l'amore, l'intelligenza, il senso della sfida e il desiderio della bontà. In questo libro Davide Longoni racconta la storia della sua passione per il pane, alimento simbolico, concentrato di storia, prodotto di eccellenza ma anche mistero, magia, sorpresa che si rinnova a ogni impasto. E ci spiega cosa fare se anche noi, seguendo le indicazioni delle sue ricette, desideriamo veder lievitare e prendere forma la stessa passione nel pane più buono, fragrante e profumato che ci sia.

ItinerapugliaTV - Gargano - Pesca con il trabucco

STORIE DI GRANDI CHEF 14/05/2011 - Diplomatico salato

Cucin’Arti in Versi





















Il Premio internazionale di cucin poesia “Cucin’Arti in Versi” nasce dalla sinergia di tre realtà culturali italiane: l’associazione LA SCATOLA DI LATTA, il LABORATORIO ECOMUSEALE (LEB) di Botrugno (LE) e il blog artistico culturale IN PAROLE SEMPLICI. Il premio si articola in un’unica sezione:
Poesia: (massimo 50 versi) componimento liberamente ispirato alle frasi del libro “Il pane di ieri” di Enzo Bianchi (Einaudi, 2009).
Tra cibo e parola esiste una stretta relazione:
- cibo come prodotto della terra, come prodotto della trasformazione, come elaborazione della materia;
- cibo come elaborazione gastronomica, creazione fantasiosa di pietanze;
- cibo come occasione di socializzazione, di convivio, di scambio culturale;
- cibo come conoscenza delle tradizioni alimentari in quanto elementi culturali ed etnici.
L’elaborato potrà essere composto in lingua italiana, lingua straniera o in dialetto (vernacolo) purché accompagnato da una traduzione italiana. La partecipazione al concorso è gratuita e senza limiti di età. Gli elaborati dovranno pervenire entro il 20 luglio 2014 al seguente indirizzo di posta elettronica premiocucinarti@gmail.com con indicato nell’oggetto della mail “Premio Cucinarti”. La premiazione si svolgerà il 30 agosto 2014 presso la chiesetta di Santo Solomo a Botrugno (LE). Tutti i poeti partecipanti sono invitati a prender parte alla seconda edizione di “CUCIN‘ARTI’ il laboratorio a km 0 sulla tradizione culinaria salentina che si svolgerà durante la giornata di premiazione. Il laboratorio a km 0, si inserisce all’interno di un ottica più ampia di cooperazione nella valorizzazione e nella promozione del territorio e delle sue tradizioni popolari, i poeti saranno guidati alla preparazione guidata di piatti tipici locali, con lo scopo di far conoscere le metodologie e i processi di preparazione e conservazione di cibi tradizionali popolari come fichi secchi, conserve della nonna, pasta “fatta in casa”, ecc.
Per informazioni sul bando del concorso:
inparolesemplici@gmail.com
+39 3395920051 (dalle ore 15 alle ore 21)

venerdì 20 giugno 2014

Da noi Ordini Cavallereschi di livello nazionale e internazionale per l' "agape" fraterna


Il 22 giugno 2014 presso il Palazzo Baronale Lopez Y Royo di Monteroni (Lecce) ci sarà la cerimonia di consacrazione a cavaliere organizzata dall’Ordo Equestris Templi Arcadia di Lecce. Con il Patrocinio della Provincia di Lecce, del Comune di Monteroni, e con l’Alto Patrocinio della Casa Reale di S.A.R.I Principe Antonio Tiberio Dobrynia. Saranno presenti in alta uniforme alla cerimonia le rappresentanza di Ordini Cavallereschi nazionali e internazionali:
l’ordine del Vaticano Priorato San Ignazio di Loyola guidato dal nobile Gran Priore Cav. Gr. Croce Pultrone Massimo ( i cui componenti fanno parte anche di due ulteriori rinomati ordini vaticani come quelli di San Gregorio Magno e San Silvestro Papa);
la Sovrana Imperiale Real Casa di Macedonia rappresentata da Sua Altezza Reale il Principe Don Cosimo Cannone;
l’Osmtj Eu. Union Ovest guidato dal Gran Priore Generale d’Italia Gennaro Luigi Nappo;
la Commanderia Flegrei dell’Osmtj Eu. Union Ovest guidato dal Commandeur Vincenzo Amato;
l’Order of The Temple Great Prior of Scotland rappresentato da Angelo Piperno;
l’Ordine Confederazione Internazionale dei Cavalieri Crociati-Guardiani di Pace Assisi-Malta guidati dal fratello Cosimo Scarlino. 

I nuovi cavalieri nominati sono Morena Atzena e Mario Alemanno. Ci saranno degli avanzamenti di grado per i cavalieri Franco Danese e Pierangelo Vincenti

Il Programma della manifestazione

18,30 Accoglienza e Registrazione
19,00 Messaggio di Benvenuto a cura delle Autorità e del Gran Maestro
19,15 “Cerimonia d’ Investitura”
21,00 Agape Fraterno presso il Ristorante Angel’s Restaurant di Lecce


L’Ordo Equestris Templi Arcadia - L’Ordo Equestri Templi Arcadia nasce nel febbraio del 2008, non con lo scopo di ricostituire l’antico ordine dei Poveri Commilitoni di Cristo e del Tempio di Salomone, sospeso amministrativamente nel 1312 con la bolla "Vox in Eccelso", ma con quello di costituire un gruppo di Per-sone che unite dallo Spirito Templare fossero in grado identifcarsi e distinguersi. Arcadia ricostituisce, al suo interno, l’antica Gerarchia dell’Ordine, e ne segue, adeguatamente con i tempi, l’antica Regola. Opera in tutti ciò che può portare un contributo agli altri, dalle attività Religiose alle attività di Solidarietà, dalla diffusione della Cultura alla diffusione delle Tradizioni, dalla tutela del Patrimonio alla tutela dell’Ambiente. Ma soprattutto si ispira ai profondi valori della Militia di Cristo per compiere ogni azione. La scelta di Ispirazione allo Spirito Templare non è data dall’infinità di leggende che circondano l’Ordine del Tempio che, per quanto affascinanti, poco hanno a che fare con le splendide gesta storicamente certificate di questi Nobili e Santi Cavalieri, ne tanto meno dall’importanza che può far assumere l’indossare quel Mantello Bianco con quella Croce Rossa. La scelta di proseguire nello Spirito Templare è dato dagli "accessori" di un Cavaliere Templare: una Spada, ma con la punta tonda, per difendersi, e non attaccare mai, una Croce davanti alla quale inginocchiarsi per pregare il Cristo in ogni quando e in ogni dove; una Croce Rossa sul braccio sinistro all’altezza del cuore per ricordare il Maestro, ispirazione e motivazione delle proprie gesta; e un Mantello Bianco, ad indicarne la Purezza Spirituale, ma anche la Santità; ed è data anche dai profondi Valori Morali di Tolleranza verso altre Culture e Religioni, e dal fondamentale e imprescindibile Valore di Fratellan-za, che univa sino alla morte un Cavaliere al suo Fratello. E’ su questi valori e su queste caratteristiche che l’Ordo Equestris Templi Arcadia oggi fonda il Suo Spirito e la sua Moralità, accogliendo tra le sue fila Persone che li pos-seggano e siano in grado di trasmetterli, al fine di forma-re un'unica Coscienza Spirituale e Morale in grado di rin-novare, nel proprio piccolo, il mondo.

Palazzo Baronale Lopez Y Royo - II Palazzo Baronale di Monteroni e uno dei piu grandi della provincia di Lecce; fu costruito nel suo nucleo principale, dalla famiglia Monteroni, quale "castrum", cioe come piccola fortezza per la sicurezza dei signori del casale, verso la fine del 1500.
Nel piano superiore dell’edificio si trovava una cappella dedicata all'Annunciazione, e al centro del salone d'onore, e sistemata un’ epigrafe scoperta nel 1795 tra Lecce e Monteroni, molto interessante per le sue origini risalenti al periodo dell'Imperatore Adriano (117-138 a.C.). Nel XVI secolo fu acquistato dai Baroni Lopez y Royo, famiglia nobile, oriunda spagnola, che iniziò la ristrutturazione trasformando l’antica fortezza in palazzo nobiliare. Nel 1665 furono costruiti i due complessi laterali e fu arricchito il portale con quattro colonne con capitelli corinzi sormontati da un fregio e dallo stemma dei Gattinari, ai cui lati due medaglioni raffigurano rispettivamente un personaggio con la corona imperiale e una sirena bicaudata. Il Palazzo è collocato a Monteroni di Lecce, paese del Salento Orientale, situato nella Valle della Cupa.


Per contatti e informazioni :

Cancelleria


Gran Dignitario
Tel. 329-7040907

Gran Siniscalco


How to deep fry a turkey the right way by Sam Sifton (author of THANKSGI...

Mondiali, la Nazionale in cucina - D - la Repubblica

Mondiali, la Nazionale in cucina - D - la Repubblica

I 10 migliori siti di cucina (del momento) - VanityFair.it

I 10 migliori siti di cucina (del momento) - VanityFair.it

mercoledì 18 giugno 2014

The Tuscan Sun Cookbook RV2.m4v

A Quaregna torna la cucina tradizionale insegnata ai ragazzi - Quotidiano online della provincia di Biella

A Quaregna torna la cucina tradizionale insegnata ai ragazzi - Quotidiano online della provincia di Biella

5 piatti per accompagnare la visione dei mondiali in tv - Cucina - D - la Repubblica

5 piatti per accompagnare la visione dei mondiali in tv - Cucina - D - la Repubblica

La Stampa - Cucina antiaging

La Stampa - Cucina antiaging

martedì 17 giugno 2014

ItinerapugliaTV - Lago di Lesina

La nutrizionista Serena Capurso ci consiglia su come adeguare la nostra ...

Dimagrire con la dieta mediterranea di Giorgio Calabrese e Caterina Calabrese (Cairo Publishing)



La DM non è solo una dieta, ma uno stile alimentare fatto di regole e di abitudini ispirate alla tradizione mediterranea. Spesso si pensa che mangiare troppo porti inevitabilmente a un aumento di peso; invece, per paradosso, si può ingrassare anche mangiando poco. La dieta mediterranea è incentrata soprattutto sulla corretta scelta degli alimenti e i suoi principi più importanti sono riassunti in poche, chiare linee guida: maggiore consumo di proteine vegetali rispetto a quelle animali; riduzione dei grassi saturi a favore di quelli vegetali insaturi; riduzione della quota calorica globale; aumento dei carboidrati complessi; introduzione nella dieta di fibra alimentare; maggior consumo di carne bianca rispetto a quella rossa; maggiore consumo di pesce e legumi; meno dolci; riduzione del consumo di insaccati, superalcolici, zucchero bianco, burro, formaggi grassi, sale e strutto. Per questo motivo la DM si può declinare in tanti modi, a seconda delle esigenza della singola persona. In più, alcuni principi della Dieta Mediterranea rappresentano la miglior difesa contro le cosiddette '"malattie del benessere". Giorgio Calabrese, aiutato dalla moglie Caterina, tecnologa alimentare e giornalista, riassume in questo libro i principi della Dieta Mediterranea, sottolinea tutte le nuove scoperte sia sull'aumento di peso sia sulla capacità di dimagrire, dando consigli utili, con un breviario dietetico per tutti coloro che vogliono dimagrire e restare in forma.